Deus caritas est

Una prima lettura dell’enciclica Deus caritas est

1. Dio è amore.
Nell’affrontare una prima lettura dell’enciclica di Benedetto XVI, forse sarebbe meglio parlare della della charitas, nella pregnanza di significato dell’espressione latina, più che della carità, nel suo impoverimento semantico della traduzione italiana, per evitare il rischio che la ricchezza teorica dell’enciclica venga appiattita sulla dimensione esclusiva dell’attività caritativa cristiana. La portata dell’enciclica, in effetti, è molto più vasta e tocca il centro stesso della fede cristiana, che poggia sul dialogo di amore tra Dio e l’uomo. La prima cosa che bisogna mettere in evidenza, perciò, nel presentare il significato profondo della charitas, è che la sua ultima essenza si identifica con Dio stesso. “Dio è amore” (1Gv 4, 16), scrive San Giovanni; “Dio è il Dio dell’amore”, ripete San Paolo (2Cor 13, 11). Il Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe, il Dio di Gesù Cristo è un Dio vivente, che ha amato fino alla morte. Solo un Dio vivente che ha assunto un volto e un cuore umani può lasciarsi incontrare dall’uomo. Nella preoccupazione di Benedetto XVI di presentare il volto umano di Dio agli uomini e alle donne di oggi si scorge la sua remota formazione agostiniana. Con S. Agostino, infatti, l’antropologia diventa il filtro di ogni discorso: tutto passa attraverso l’uomo; anche per arrivare a Dio la strada da percorrere rimane sempre l’uomo. Secondo la famosa interiorità agostiniana, per trovare Dio, non occorre uscire da se stessi, ma piuttosto entrare in se stessi. Prima di Agostino, la principale similitudine adoperata per spiegare in qualche modo la vita intratrinitaria era la creazione del cosmo da parte di Dio: la luce con lo splendore e il raggio, il fuoco con la fiamma e il calore, l’acqua con il fiume e la foce, l’albero con la radice e il frutto.

[Per continuare la lettura scarica l'articolo]

Clicca su Download e scarica il PDF

Arcidiocesi di Oristano

Calendario Pastorale

Papa Francesco Twitter

Condividi

 S.E. Monsignor Ignazio Sanna
Arcivescovo Metropolita di Oristano:

P.zza Giovanni Paolo II, 1 – 09170 ORISTANO (Italia)
E-mail: arcivescovosanna@gmail.com
(per interviste contattare il Direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali)

Designed By Grafica & Web Design